«Libia libera». Gli echi della rivoluzione a Scicli

Gli echi della rivoluzione libica si fanno sentire anche a Scicli.
A due giorni dalla morte di Muammar Gheddafi tra le vie del centro del comune ibleo sono comparsi alcuni volantini che celebrano la liberazione della Libia dopo quarantadue anni di regime dittatoriale.

«Libia libera» è la scritta sul manifesto che ha per sfondo la nuova bandiera introdotta dal Comitato nazionale di transizione (CNT). La bandiera della nascente Repubblica Libica è la stessa a quella del Regno di Libia cancellato dal colpo di stato operato da Gheddafi nel 1969.
Il messaggio è stato attaccato sotto le insegne di Via Bengasi e Via Tripoli, vicino alla sede del comune e in altri luoghi spesso frequentati da nordafricani. I manifesti non sono firmati, non si trova nessun riferimento agli autori di questa iniziativa. Non è presente nessun manifesto davanti al Centro Islamico Culturale, niente nemmeno davanti ad un phone center molto frequentato dai tanti stranieri che vivono e lavorano a Scicli. Sembra proprio l’iniziativa di un semplice cittadino di origini libiche lieto degli esiti della rivoluzione.
Con la speranza che la nuova Libia possa essere veramente libera.

Intanto, oggi in Tunisia si sono chiusi i seggi per le prime elezioni libere. Chissà se anche in questo caso con qualche segno si celebrerà l’evento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...